fbpx

Cookie

Utilizziamo i cookie per offrirti un sito web innovativo ed entusiasmante. Utilizzando il nostro sito web e accedendo ai contenuti presenti in esso, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Se non desiderate accetta i COOKIES potete abbandonare questo sito web. La Legislazione Italiana e Europea prevede questo.

Notizie dal mondo immobiliare

Copia di Senza titolo 1

La vendita di case resta un trend in crescita a livello nazionale (+8,8%).

L’avvio del 2019 è dunque ancora positivo nei numeri dell’Osservatorio dell’agenzia delleEntrate, che fotografa l’andamento delle vendite ogni tre mesi in Italia. Da gennaio a marzo 2019 le compravendite residenziali sono cresciute dell’8,8%, mentre nel trimestre precedente, quello che ha chiuso il 2018, il tasso di aumento era stato pari al 9,3%. Tre mesi prima ancora, terzo quarter 2018, sono state vendute 130.609 case (+6,7% rispetto allo stesso trimestre del 2017). Nei primi tre mesi del 2019 sono state vendute 138.525 case, contro le 127.277 cedute nello stesso periodo del 2018. Il panorama generale mostra anche un allineamento tra comuni capoluogo e comuni non capoluogo, che spesso in passato hanno viaggiato a velocità differenti, con i primi nel ruolo di locomotiva. Se si guarda alle otto maggiori città italiane le dinamiche invece sono differenziate: a Bologna e Genova gli acquisti di case sono saliti del 15,2% e del 12,9% (i tassi più elevati), a seguire idue mercati più importanti, Roma e Milano, dove le compravendite sono aumentate oltre l’11% (con rispettivamente 7.921 e 6.119 unità vendute, pari a 729.818 mq e 495.362 mq totali), mentre Firenze (-5,2%) e Napoli (-1,3%) sono scese con segni negativi.

Fonte: Fiaip News

Secondo il centro Rur nel 2021 è prevista una ripresa del settore immobiliare.

Durante il corso del 2019 c'è stato un buon andamento per quanto riguarda il residenziale nuovo o ristrutturato, ma il fronte complessivo degli scambi e dei prezzi è ancora in stallo. Il mercato immobiliare residenziale è salito nel 2018 sulle 580 mila transazioni, con la stima di superare le 600mila nel 2019. Nel 2021 si prevede un cambio di marcia del mercato immobiliare.

Nel prossimo triennio il 49% degli esperti segnala un aumento delle compravendite del residenziale nuovo (erano il 34% nel 2017). Nel residenziale domina sempre più la ricerca di piccoli appartamenti e hanno un ruolo sempre più determinante come potenziali acquirenti i nuclei diversi dalla famiglia tradizionale, come i single (passati dal 14,4% del 2006 al 19,5% del 2016). Nelle città metropolitane, oggi il 3,1% dei nuclei è nella fase conclusiva per acquistare o affittare un'abitazione, il 13% è alla ricerca attiva di un alloggio in proprietà o locazione con un orizzonte temporale di 12-18 mesi. Tra gli acquirenti, il 40% è composto da soggetti che acquistano con rivendita dell'abitazione in cui vivono, per il 33% è il primo acquisto, per il 10,9% si acquista un alloggio per un componente familiare mentre il 10,5% si muove a scopo investimento.

Gode di buone prospettive la logistica, trainata dalla crescita dell'e-commerce. Si calcola che nel 2019 il fatturato del commercio digitale raggiungerà in Italia i 16,8 miliardi per toccare i 22 nel 2021. Si valuta che per ogni miliardo in più si crei un fabbisogno per circa 400mila mq di capannoni. A livello geografico, Milano e Roma da sole rappresentano il 56% degli scambi, ma resta significativo il ruolo potenziale di altri assi come Torino-Genova e Firenze- Bologna.

Leggi l'articolo completo qui.

Fonte: Adriano Lovera - Il Sole 24ore

Un'organizzazione su cui contare

Storia ed esperienza hanno portato l'Organizzazione Immobiliare Stabilia ad offrire ai clienti servizi sempre più innovativi e completi. Un’assistenza professionale attenta e precisa per continuare a fare con competenza gli interessi dei clienti frutto di tanti anni di esperienza e di aggiornamento costante.

©2020 Stabilia Agenzie Immobiliari - Associazione d'imprese